alla marquez

Sono come il personaggio di un libro di G.G.Marquez…
La puttana accogliente.
Vengono da me, per scaricarsi, magari solo dei loro pensieri.
Ed io li accolgo, li faccio sentire grandi e forti, guardo con tenerezza la loro sensibilità, sostengo le loro fragilità, ascolto le lore recriminazioni, intuisco i loro dolori, assecondo le loro fantasie…
Mi pagano con un "sei adorabile" e se ne vanno senza guardarsi indietro, tornando alle loro vite, alle donne che possono chiamarli ‘mio’, alle loro amicizie vere e pubbliche… un po’ più leggeri.
A volte tornano, quando di nuovo la loro vita gli sembra poco… quando hanno bisogno di un pensiero di rifugio o di una fantasia per sentirsi più vivi.

Io lo permetto, perchè sono così… accogliente ed empatica. Perchè io mi sento solo in funzione del rapporto con gli altri… perchè non ho ancora rinunciato all’idea di essere desiderata, perchè una parte di me continua a sperare che un giorno entrerà qualcuno che mi guarderà negli occhi e non avrà paura delle mie lacrime, lascerà che gli inzuppi la camicia e mi terrà insieme nel suo abbraccio anche se mi starò sciogliendo… e mi sentirò al sicuro… e mi porterà a ridere infine…

Ma questo non è un film americano, è un libro alla Marquez… dove le puttane sono esseri splendidamente umani, ma personaggi minori, che rendono il libro migliore, che gli danno più gusto… ma non sono protagonisti., sono esseri che vivono come possono, figure che a guardarle bene sono positive, ma solo a guardarle bene…
E nessuno si chiede alla fine del libro che fine hanno fatto, danno per scontato che sono ancora lì a donare il sollievo della loro accoglienza… nessuno si preoccupa di una puttana…

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

17 risposte a alla marquez

  1. lomasi ha detto:

    ed ora mi contraddico e torno ad aprire il bloguna puttana col cartello fuoriil peggior squallore…

  2. Stellina ha detto:

    btw, devi ridirmi la tua definizione di ….uhm, poi te lo dico in privato 🙂

  3. exbambinoprodigio ha detto:

    c\’è di peggio in giro,di molto peggio 😉

  4. py ha detto:

    tu forse non crederai a quanto io ti possa capire….un bel pò!

  5. Domenico ha detto:

    Non è vero che si sta bene senza di te! Qui ti vogliono bene, io ti voglio bene e sai benissimo che non sei sola.E\’ chiaro che se tu parli di amore e dato che dici che a scrivere qui siamo solo in 3, essendo io l\’unico uomo mi sento di rispondere.Mi sento di rispondere. Non ho scritto che mi sento obbligato. Ma stai zitta e leggi, senza fare polemiche.Se ne è parlato tante volte, e gira e rigira gli argomenti di cui si parla sono sempre gli stessi.Qui (internet) solo il fatto che tu sei mia amica già è un grosso risultato, solo che ancora non te ne rendi conto. O forse sei in un momento che non ti basta più la sola amicizia. Ma chi con il tempo ha imparato a conoscerti o a conoscere la Loredana che presenti qui ai 3 amici sa quello che provi e conosce i tuoi bisogni, sa che hai un uomo vicino. Indipendentemente da quello che lui prova per te e che tu provi per lui: NON SEI SOLA, hai chi ti ama o forse amato non so, l’unica che lo sa per certo quella sei tu!Se giri pagina e vai su altri siti chat e quant\’altro vedi che ci sono donne che si mettono in vetrina solo per dare in cambio di denaro, o solo per una serata al ristorante la propria passerina.Credo di non essere poi tanto stupido, ed avere le capacità minime che servono per mettersi in contatto con una di queste "puttane" e di andarci a letto. Ma io non voglio questo!Con loro puoi inventarti come preferisci, tanto è solo per una notte al massimo 2, puoi anche dire che sei un pezzo grosso, insomma te la puoi raccontare come ti pare, tanto alla LEI di turno, non interessa, se sei sposato, se hai figli, se sei importante, se sei un VIP a lei interessa altro. Con loro non bisogna stare ore, giorni, anni a sprecare tempo a condividere i problemi di tutti i giorni, a scambiarsi idee, opinioni sui problemi che si possono avere a lavoro. Con loro bastano pochi secondi ci si mette d’accordo sull’onorario o la serata e tutto finisce li.Non capisco perché vuoi per forza indossare i panni di una puttana accogliente!Non ho letto il libro di Marquez, e credo che non sono il solo tra i 3 amici che la pensano come me.Tu non sei affatto cosi!Non voglio smettere di pensare, preferisco stare male, e non voglio cancellare i miei desideri per stare bene. Anche se io ho paura delle tue lacrime, sperò che un giorno avremmo l’opportunità di dircele guardandoci negli occhi queste cose, e di non raccontarcela qui in questo posto. Non essere l’uomo della tua vita non implica che non desideri stare qualche minuto abbracciato con te.Io però desidero abbracciare Loredana, non quella che tenti di mostrare qui, quella vera! ;-)Ps: se "l\’uomo" che hai vicino ti dovesse chiedere ma chi è questo che vuole? Digli di non preoccuparsi e che semplicemente sono "solo" uno stupido amico.

  6. lomasi ha detto:

    Domenico credo tu abbia vagamente frainteso, o forse ho frainteso io.Dico puttana, ma non intendo in senso strettamente fisico.puttana come distriburtrice di sentimenti ed emozioni. E non per scelta.Quel che ho scritto qui è per come mi sento in questi giorni. Ci sono e ci sono state persone che si sono dichiarate amiche mie, che mi hanno detto "sei sempre nel mio cuore" e l\’hanno detto in funzione di quel che dico sopra, si sono rifugiate tra le mie parole e nell\’idea di me, nel legame creato da me, con me… io accogliente e comprensiva, paziente ed intuitiva, senza giudizi e piena di opinioni, capace di dire le cose con chiarezza e mai avara di complimenti e tenerezza…Ed io ho creduto a queste amicizie, in varie forme e di vario genere.Però…. puff spariti (e non necessariamente solo uomini)…ma non ero nel loro cuore?, ma non mi volevano bene? e quando sto male o anche no… dove sono i piccoli gesti che gli amici dovrebbero fare? i sorrisi, la presenza silenziosa, ma non troppo, i messaggi o quel che è…Per poi ricomparire al bisogno, loro bisogno…Questo è il trattamento che si riserva ad una puttana, appunto.E sono io a permetterlo, perchè per me è importante e prezioso avere amici, e perchè poi non si sa mai chi incontri. Perchè mi fido e mi do\’Però… non mi basta, non mi basta essere pensata solo quando loro hanno bisogno, solo parzialmente…e in questo momento ho bisogno di qualcosa di più, forse è per questo che mi brucia particolarmente.IO SONO SOLAC\’è un uomo che tanto tempo fa ho sposato, ma di fatto ora è solo un uomo che vive nella mia stessa casa e con cui divido il mutuo.E\’ solo un problema pratico a tenermi in quella casa, ma troverò una soluzione.Io non lo so se mio marito mi ha amato, mi pare più probabile che anche per lui sono stata la risposta ad un bisogno. Perchè se mi avesse amato avrebbe continuanto a guardarmi in faccia, invece questa è una cosa che ha smesso di fare tanto tempo fa. Ed io l\’ho lasciato fare. Comunque sia, se c\’era amore ora non c\’è più, ci si parla solo per le comunicazioni di servizio e lui non viene a guardare qui, quindi non mi chiederà nulla. E non sarà di alcun sostegno per qualsivoglia bisogno.Io non sono un problema suo. Non si preoccupa nemmeno di come pagare il mutuo e dar da mangiare al figlio ora che entra in cassa integrazione, figurati se si preoccupa di come sto io…Ho voglia e bisogno di qualcosa di più. E lo dico qui che è un posto mio. E dico a me stessa che devo essere meno disponibilee so che non cambia niente.Io non tento di mostrare niente, vengo fuori io, sempre e solo ioNon c\’è altro… solo io poca e sbagliata come sono. Più fragile di quel che pare … troppo vuota per poter solo dare senza riceveree ci sono molti modi che le persone di cui mi sono fidata avrebbero per darmi, alcune sono piccole piccole… ma io mi aspetto sempre troppo.Il problema sono io e sono un problema mio

  7. bisbetica ha detto:

    io sarei ufficialmente in silenzio stampa ma tanto qui siamo solo in 3 :-Dcondivido e capisco profondamente quel che loredana ha scritto sopra e sotto, lei lo sa.ci son donnne come noi destinate al dare… e concedetemi una battuta da bar: non a darla via! ci andrebbe anche di lusso una vita sessuale sfrenata e godereccia. eh no, a dare cuore e pensieri. carezze e compensione, pazienza e complicità, talora amore perchè l\’altro/a ha bisogno di sentirsi amato/a.non ho voglia né di scrivere né di pensare.non sei poca e sbagliata: sei piena della tua consapevolezza e di coraggio e legittime voglie.loredana… sei :-)e se qualche volta ho "brontolato" leggendoti un po\’ "piagnona" (D) questo tuo post è diverso, questo tuo post è un urlo come in passato… tu stai imparando il linguaggio della vita.e non farmi scrivere sdolcinatezze qui che non son da me :-)ps qualche giorno fa ho ricevuto un sms che recitava più o meno così: "[…] quello che peggio mi fa stare è non sentirmi più desiderato".non credo di dover aggiungere altri :-Sme ne torno a mugugnare per i fatti miei…

  8. isabella ha detto:

    Quelle che tu chiami rispettosamente puttane, quelle donne che danno spassionatamente, dimenticate nei libri e forse anche a volte nelle discussioni e nei ricordi degli uomini e non solo, sono depositarie di eventi – interni ed esterni – di un valore incommensurabile. Di una saggezza e sensibilità soprannaturale. Basta leggere ciò che scrivono (…)Forse non si può cambiare, forse non è possibile cambiare il proprio destino, ma che onore essere fonte di bene – di forza, di spirito – che onore essere queste puttane qui! E che dolore anche…

  9. isabella ha detto:

    e comunque non sei "adorabile": sei grandeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!! 😀

  10. lomasi ha detto:

    ecco appuntohai detto meglio di me Bis :-)e non la do via… non sono tanto capace di fare questo, ho tutta una serie di blocchi che me lo impediscono… sennò…. bè a far la puttana sul serio forse avrei risolto il problema del mutuo….

  11. lomasi ha detto:

    oh isa… :-)grazienon posso dir altro

  12. exbambinoprodigio ha detto:

    credo che siamo tutti soli,e non è tanto per dire,è una realtà ampliamente documentabile…..e credo che quando qualcosa finisce,sia esso amicizia, amore,o semplice perdita di vista, succeda per reciproca responsabilità.Una donna innamorata è diversa da un uomo innamorato, la donna innamorata dona tutta se stessa l\’uomo difficlmente lo fa…..così come l\’amicizia di un uomo a volte(spesso) è più disinteressata rispetto a quella di una donna.Ci sono però passaggi che non mi sono chiari nel tuo discorso,perchè se tu rendi il blog privato è naturale che entrino solo le persone con cui tu hai un rapporto,non puoi dopo fare considerazioni del tipo tanto qui entrano solo 3 persone… certo ma se sono quelle che vuoi tu non vedo dove sta il problema,chi vorresti che entrasse più di quelli che vuoi?se chiudi la porta non puoi poi pretendere che chi non ha le chiavi entri lo stesso… anchio ho privatizzato il blog e meno gente viene meglio sto :mi sentirei incoerente se parlandone dicessi tanto vengon solo 5 persone o 4, perchè poi magari c\’è chi ti legge e non commenta perchè a volte si possono scrivere cose che lasciano senza parole,ma vengono comunque lette.E non è vero che nessuno si preoccupa delle puttane,credo che siano le persone meno sole, se capaci di fare bene il loro lavoro….:D o almeno le più ricercate ;)te lo dice un….. gigolò 😀

  13. lomasi ha detto:

    non era un lamentarsi il fatto che qui entrano 3 persone (che poi oggi sono almeno 6) era una constatazione.Come dire: questo blog di sicuro non cambia il mondo. Io non cambio il mondo.Non mi riferivo al solo blog, ci sono molti modi per avere a che fare con la gente e quando uno/a mi dice ti voglio bene… se saprisce e si fa vivo/a solo per i cazzi suoi, senza nemmeno un come stai… bè io non posso essere molto felice.Essere ricercati non significa che qualcuno si preoccupi per te… il mio capo mi cerca sempre quando deve aggiungere lavoro al troppo lavoro, ma non si preoccupa affatto delle mie coliche… pensa che sono pazza se mi lamento dei miei dolori.E… sono una stupida egoista, ma a me fa tanto piacere quando le persone cui voglio bene si fanno vive in qualche modo, soprattutto quando sto male.Ci sono momenti in cui ti senti e sei fragile, e hai bisogno di sostegnoe almeno ti sfoghi sul blogdovresti saperlo bene, signor gigolò 😀

  14. lomasi ha detto:

    e poi… si sa che tutto finisce… è che troppo spesso il dare e l\’avere sono sbilanciati.e a me pare che ci sono persone che prendono quel che io do (e lo faccio io, non do la "colpa" a nessuno) e non si accorgono del mio dare o lo danno per scontato, ecco alla fine forse volevo dire questo.L\’amore e l\’amicizia dovrebbero basarsi sulla reciprocità ed il rispetto.Infine… ci sono persone più sole o persone che lo sono sempre state, mentre altre hanno avuto buona compagnia in alcuni tratti.

  15. py ha detto:

    Loredana….shhhhhhh….sorridi ti prego, quanto urla questa pagina…e tutti i commenti sotto…mi lasciano senza respiro

  16. lomasi ha detto:

    ci sto provando Py, davvero ci sto provando…ma la leggerezza non mi appartiene e se tu hai capito cosa intendo, come credo (strano che le donne capiscano perfettamente e gli uomini no queste mie parole…. ), hai anche capito che questo non è un momento di sorrisi. Ma di fatica.

  17. py ha detto:

    proprio per questo…ti chiedo un\’altra fatica, quella di sorridere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...