di giornate escatologiche

Oggi è una di quelle giornate in cui vorrei solo dormire.

Invece ho gestito con calma tutte le stronzate. Dicendo solo alla collega:”ma ti pare normale?”

Ho chiesto se le pareva normale tante volte.

Qua tutti si fan la guerra, il capo col vicecapo, e i chirurghi loro colleghi tutti quanti. E il Direttore non si sa…

I pazienti tutti a pretendere di essere anticipati. Ciccia ma hai presente che devi aspettare un mesetto? Per il bruciore di stomaco. Così per la cronaca… quando mio figlio aveva i globuli bianchi ed i globuli rossi in caduta (il midollo osseo produce tre linee: bianchi, rossi e piastrine. Se due linee su tre non vanno, ci si preoccupa. Parecchio) mi hanno dato appuntamento sei mesi dopo, alle sette di sera in culo al mondo, perchè Zaia ha impostato politiche sanitarie del piffero! Ed io ho chiesto una visita a pagamento. Senza battere ciglio e senza chiedere favori. Ho solo mentalmente considerato cosa potevo tagliare tra le mie spese.

Non batto ciglio nemmeno davanti alla latitanza del padre di mio figlio. Ho pagato libri, palestra, bus… e lui niente. Ha detto al figlio che devo aspettarli, che non li ha. Ok intanto io a tuo figlio faccio mangiare aria? Perchè fosse per te…

Non batto ciglio davanti al sovraprezzo un po’ assurdo del veterinario per la sterilizzazione di Ripley.

Assorbo le notizie e vado avanti. Mi si muove dentro qualcosa quando sento che tizio ha trovato la morosa, caio la fidanzata, sempronio la probabile donna della vita.

Non so cosa in realtà. Sono in arresa. Elaborare i miei sogni e il mio passato in questo periodo mi fa pensare che ho sbagliato tutto e che forse non sono adatta alla vita di coppia ed alla vita sociale. Devo avere qualche difetto per cui sono troppo indigesta a lungo termine.

Annoto anche che sono tutti maschi quelli che si “sistemano” e non femmine. Ma non so interpretare la questione.

E niente, continuo ad assorbire ed elaborare. Ora vado a vedere come è messa la creatura soffiante. E soprattutto come sta il micino neuropatico. Che giusto questo ci mancava…

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

53 risposte a di giornate escatologiche

  1. annikalorenzi ha detto:

    periodo parecchio impegnativo …

  2. giomag59 ha detto:

    Perdinci non devi avere molto tempo libero! Comunque la sanità ha preso una china davvero avvilente. Fra un po’ arriveremo, se continua così, a livelli americani: se non hai i soldi ti arrangi! Per il resto, auguri! Anche per il micio.

    • altrirespiri ha detto:

      La nostra sanità ha grandi eccellenze. Se solo tutti fossimo più ragionevoli, girerebbe tutto meglio.
      E forse si dovrebbe partire con la ragionevolezza proprio dagli utenti.
      Il micio ora verrà bombardato di cortisone… speriamo.

  3. Fedifrago ® ha detto:

    Se i maschi si “sistemano” e le femmine no …..saranno tutti gay?
    😝

    • altrirespiri ha detto:

      no. Si sistemano i maschi miei amici o conoscenti. Non le femmine mie amiche e conoscenti.
      Il che deve avere un suo motivo. Solo non riesco ad intavvederlo.
      Cioè conosco uomini adatti alla coppia e neanche una donna?
      Non trovi che sia strano?

      • Fedifrago ® ha detto:

        Ovviamente la mia era una battuta.
        Probabilmente i tempi sono cambiati, e devi considerare anche l’età dei tuoi amici e amiche.
        Mi spiego, le donne oltre i 40, soprattutto se sono già state sposate, preferiscono l’indipendenza (in molti casi) e si decidono ad una nuova convivenza solo se veramente convinte. Molti uomini, invece, non sono capaci di stare soli, e quindi cercano una “sistemazione” anche per motivi pratici.

        Eh, non dico che sia sempre così, ma per quanto osservo mi pare che lo sia spesso.

        • altrirespiri ha detto:

          Ma io ho amiche che una storia la valuterebbero volentieri. Anche io la valuterei volentieri. E se non troviamo niente che valga la pena… come si spiega che invece i maschi sì? E queste signore che segliete, cos’hanno che noi single non proprio per scelta non abbiamo?

          • IL PINZA ha detto:

            Io mi sono trovato una potenziale gattara ed ex zitella acida… 🙂 non farò testo dato che ho fatto il passaggio diretto ma un consiglio te lo posso anche dare: punta gli uomini divorziati, che amano i propri figli, sicuramente hanno altro amore da dare. E diffida dagli scapoloni cronici, non cambieranno mai. Troppo abituati ad amare esclusivamente se stessi. Scontato? Sì, però ogni tanto è meglio ricordarselo.

          • Fedifrago ® ha detto:

            Pensavo,di averlo spiegato sopra. Le donne come voi non si contentano, molti uomini invece sì. D’altro canto probabilmente si accoppiano con le donne che a loro volta si accontentano.

            E non dire “voi”, io mi ritengo fortunato per aver trovato sempre donne “speciali”. Che poi una fosse speciale anche nello farmi sperperare soldi, è un altro discorso

            • altrirespiri ha detto:

              Io non mi accontento, è vero. Però sono anche molto adattabile.
              Non so
              Continuo a non capire, sinceramente. Neanche col tuo punto di vista.

              • Dave Brick Pinza ha detto:

                Farfalle nello stomaco. Quando scattano vuol dire che sono scattate anche all’altra persona… generalmente. Quando incontri quella persona te ne accorgi subito, tutte le altre non fanno effetto e sono inutili. Bisogna cercare ed aspettare con pazienza…

                • altrirespiri ha detto:

                  Tesoro… ci sono ben due uomini che non riescono a starmi lontani. Per uno io sentivo gli sciami di cavallette, più che le farfalle. Però… Non decidono mai di stare con me.
                  Non sono capaci. Anche se vorrebbero.
                  Ora… La conclusione è che io trovo solo balordi, e che ho qualcosa che non va, se i balordi poi mi cercano senza concludere mai nulla.
                  Direi che a questo punto è meglio se non cerco più, se questi devono essere i risultati…

  4. Respect…ma uno il tempo per se deve prenderlo.. per se stesso e per gli altri… Almeno penso…

    • altrirespiri ha detto:

      In teoria sono d’accordo con te. Ma non sempre si può e si riesce

      • Lo so… Ma almeno sapere che “da qui a tot settimane” avrò del tempo solo per me.. è lo stesso principio per cui in aereo im caso di emergenza devi mettere prima tu la mascherina e poi occuparti degli altri

        • altrirespiri ha detto:

          Quest’estate, mio figlio è andato una settimana dai nonni con suo padre. Mi ha chiamato per sfogarsi di come andavano le cose. Ha urlato così forte che poi la mia ex suocera mi ha chiamato.
          Io non l’avevo intorno fisicamente. Ma gli infilavo la mascherina lo stesso. Perché sapevo che nessun’altro l’avrebbe fatto.
          In una situazione così non stacchi. Non puoi.

          • Io mi incazzo con la mia ex moglie quando si fa i week end per.i cazzi suoi senza sapere cosa fanno i bimbi, senza chiedermi nulla di come stanno e cosa hanno imparato.. non si può staccare la.spina dall’essere genitore, ma si può penso riuscire a trovare del tempo per se stessi in funzione del loro benessere.. in fondo se stiamo bene noi stanno bene anche loro.. no?

            • altrirespiri ha detto:

              Il mio ex marito passa due settimane senza chiedere nulla del figlio, in genere. E il fine settimana che dovrebbe passare con lui sta con lui un paio di ore, che per il resto è con amici e morosa. Non chiede nemmeno della scuola e quando gli ho chiesto di andare a prendere il libretto (unica cosa che avrebbe dovuto fare per scuola negli ultimi tre anni) non poteva. Però su FB scrive sempre che vive per lui, a me dice che lui viene prima di tutto. Ora… io ho un diverso concetto di venire prima, evidentemente.
              In tutto questo, io non ho modo, denaro e tempo per andarmene un paio di giorni.
              Un anno e mezzo fa volevo stare via una notte. Chiesi al padre di tenerlo con se, ma lui aveva da fare.
              Se io decido di andare via una notte, sarà per certo una notte che mio figlio non ha nessuno con cui stare. Ovvero io non vado da nessuna parte. Sono stanca di questo, ma non posso dar fuoco al mio ex marito, nè instillargli un po’ di buon senso. E’ uno dei motivi per cui mi sono separata: sa pensare solo a sè stesso.

              • sì.. il problema sono le concezioni diverse.. anche a me succede di incazzarmi quando la mia concezione di una cosa è diversa dagli altri. Il tempo per se si può cercare anche senza dover andare via, io mi faccio 30 minuti di macchina al giorno per andare a lavorare e altrettanti per tornare… quel tempo lo considero (o almeno cerco di farlo) come tempo personale solo per me… a volte manco rispondo al telefono.. ho bisogno di dedicare quel tempo (poco) a me stesso e alla mia mente contorta…

                • altrirespiri ha detto:

                  tu sei un ottimista!
                  😉

                  • Cerco di essere realista,soprattutto con le persone. Mia nonna non saprà mai usare un cellulare touch,non posso pretendere che lo sappia fare e rimanere frustrato perche il mio impegno non da i suoi frutti.. mia nonna con tutto il bene che le voglio non ha i mezzi per fare certe cose.. stessa cosa vale per le altre persone.. il mio socio non arriverà mai in orario.. o passo la vita a rompermi le balle e litigare su questo oppure la prendo persa e accetto la situazione per quello che è. Ovvio che la difficoltà arriva quando bisogna accettare comportamenti che per noi sono fuori dalla luna.. ma se tanto il tuo ex marito non può fare (perche non ha gli strumenti pratici,di intelletto ecc) certe cose o dare certe cose a tuo figlio,cosa xi puoi fare tu? Massacrarti la vita aspettando cose che non arriveranno?
                    (Forse avevo già fatto questo discorso)

                    • altrirespiri ha detto:

                      L’ottimismo era riferito al fatto che tu ritenessi il viaggio di ritorno a casa come tempo personale 😛
                      Non mi massacro la vita ad aspettare il mio ex-marito. Ho scelto di non averlo più come marito per qualche motivo, eh. Ciononostante mi dispiaccio per mio figlio.
                      Ho perso mio padre a 13 anni. Mio figlio un padre lo ha, ma è messo peggio di me. E’ uno spreco.
                      Sono brava a non aspettarmi niente da nessuno. E’ solo da me che vorrei tanto, e mi arrabbio parecchio quando vedo che non arrivo dove dovrei.

  5. laTigli ha detto:

    avanti savoia.
    (sospiro, che fatica stare al mondo, sospiro)

  6. yaxara ha detto:

    Pat pat sulla spalla. Ci sono periodi in cui bisognerebbe surgelarsi come gli avanzi del pranzo di Natale e aspettare di aver smaltito tutto per tirarsi fuori.

  7. romolo giacani ha detto:

    Qualche tempo fa scrissi questo post…e più passa il tempo, più sono convinto che le cose stiano proprio così! https://giacani.wordpress.com/2013/09/18/elogio-delle-donne/

  8. fracatz ha detto:

    che strana ‘sta cosa
    forse non vuoi mettere il giusto impegno nel realizzare un desiderio così forte
    capisco che l’adolescenza aiuta, però poi crescendo ci si può iscrivere a danza
    la danza mette in contatto una grande quantità di partners e magari si può cambiare cavaliere fino a quello giusto

  9. Antonio ha detto:

    ho lavorato in un grande Ospedale della mia Città per cui ho toccato con mano quello che riferisci. Purtroppo abbiamo una Sanità che viaggia su doppi binari, una pubblica e l’altra privata ovvero l’attività in intramoenia….
    ciao e in bocca al lupo

    • altrirespiri ha detto:

      Ritengo che l’attività intramoenia sia una forma corretta di sanità. Entro certi limiti.
      Il punto è che la gente deve imparare a capire cosa sia grave e cosa no, cosa sia urgente e cosa no.
      Il bruciore non è urgente!

      • Antonio ha detto:

        “il bruciore non è urgente”….ma si sa che il paziente è quasi sempre impaziente….
        L’attività in intramoenia potrebbe essere ritenuta corretta solo se l’utenza non vi venisse “spinta” come spesso accade…. ci sono sanitari che conoscono solo il Dio danaro!
        buon lavoro nel tuo Ospedale

        • altrirespiri ha detto:

          Il paziente impaziente non può pensare di venirla a raccontare a me…
          Ci sono sanitari che conoscono solo il dio danaro. E ci sono dirigenti che non fanno in modo che i sanitari facciano il loro lavoro.
          Si risolverebbero tante cosette…
          Buon lavoro anche a te, ovunque sia

  10. pinarosas ha detto:

    bisogna vedere con chi si sistemano… molti uomini non sono capaci di rimanere da soli; le donne difficilmente si accontentano, al limite si imbarcano in avventure transitorie sapendo che tali sono e tali rimarranno ma pronte a proseguire il cammino in singletudine.

    • altrirespiri ha detto:

      beh… per come conosco i soggetti cui penso, non dovrebbero essere affatto male, le donne in questione.
      O io ho un’idea troppo alta di certi miei conoscenti.
      Come già detto, non mi accontento, ma peraltro sono adattabile e particolarmente abile a trovare le cose buone nelle persone. Infatti adorano tutti parlare con me. Ma non impegnarsi in una storia con me.
      O con diverse amiche mie.
      Continua a non tornarmi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...