di nuovo lunedì… e martedì

I miei giovani pazienti maleducati della scorsa settimana potevano lasciarmi così? Ma no! Suvvia!!

Il tipo di martedì è stato sottoposto ad un esame prolungato, registrazione di 96 ore.

“lunedì ci riporta il registratore, siamo aperti dalle 8 e mezza”

All’una di lunedì, mi sovviene che manca un pezzo in laboratorio. Chiamo il ragazzo, chiamo la madre, chiamo il padre: segreteria, segreteria, occupato.

Dopo un pezzo la collega riprova e trova la madre:”signora abbiamo bisogno del registratore domattina alle 8, massimo otto e mezza” “va bene, lo cerco io e riferisco” La signora sembrava dispiaciuta.

Stamane nessuna nuova… fino alle dieci e mezza quando si fa viva la fidanzata del giovin signore, propinando alla mia collega una lacrimosa storia di incidenti stradali, macchine distrutte, ammaccature in ogni dove (del ragazzo), carroattrezzi costosissimi, eventuali collette in corso per poter affrontare il viaggio, impossibilità del giovane stesso a venire. Dopo insistenza della collega, si ottiene che venga la “promessa sposa” a consegnare il nostro strumentino.

La tipa è il genere “amorino come stai?” con la vocina impostata…

La collega, reduce da recentissima esperienza col carroattrezzi, viene impietosita. Io, strega cattiva, non credo ad una parola.

Verso l’una e mezza chiama la madre per assicurarsi che il registratore sia giunto sano e salvo nelle nostre mani. “no signora, forse lo portano domani. Ha chiamato la ragazza, sostenendo che hanno avuto un incidente, ma io non ci credo, perché in quel caso lei che è la madre lo saprebbe, e avrebbero telefonato.” “io mi presento come sua madre, in realtà sono stata la compagna di suo padre, ma gli sono sempre stata vicina e ancora ora sono disponibile, tanto che ieri dopo che avevo provato a chiamarli tutto il giorno senza ottenere risposta ho mandato un messaggio, e mi sono offerta anche di venire io, se loro non potevano. Non hanno avuto incidenti. A me hanno detto che non hanno risposto al telefono perché avevano altro da pensare”

“signora, con rispetto e parlando da madre… non ci si comporta così. Non gli è tutto dovuto, e questa non è una trattoria: è un ospedale e noi abbiamo altri pazienti a cui pensare, con gli stessi strumenti. Se Padova è troppo lontano, potevano fare le stesse cose più vicini a casa. E avvisare dei problemi. Non lo sono venuto a prendere io a casa. Bisognerebbe capirle certe cose a 23 anni”

“è gente che queste cose non le capisce. Come hanno preso in giro lei, hanno fatto con me per due anni, finché ho detto basta. E poi questo problema che il ragazzo ha… se fosse più ordinato negli orari, bevesse meno, non fumasse… credo starebbe molto meglio.

Per cortesia, se domani non le fanno avere il registratore, mi avvisi, che in qualche modo lo porto io”

La collega era incredula:”mi aveva fatto pena, all’idea dell’incidente…” “se avessero avuto un incidente, ad una certa si sarebbero fatti vivi, avvisando. Son tutte balle. Ha iniziato a dirti balle 30 secondi dopo che gli hai detto buongiorno, martedì scorso”

E come sempre a pensare male si fa peccato, ma non si sbaglia mai…

Ora che manca meno di un mese, vediamo se riesco ad entrare nel mood natalizio “siamo tutti più buoni”

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

13 risposte a di nuovo lunedì… e martedì

  1. yaxara ha detto:

    Certa gente non ha proprio incorporato il concetto di vergogna nel dire balle…

  2. Gintoki ha detto:

    Mentre leggevo pensavo a questo

  3. intorno ha detto:

    non ce la farai mai

  4. Cassiera In bilico ha detto:

    l’hanno riportato? o sono stati rapiti dagli alieni?

    • altrirespiri ha detto:

      l’hanno riportato dopo due giorni, finanziati dalla ex-compagna del padre e raccontando ulteriori balle.
      E qualcosa non ha funzionato. Ora lo pseudocapo dovrà decidere cosa fare…

  5. Pingback: pazienza al cubo, e non basta comunque | Cercando altri respiri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...