mondi sommersi

I miei venerdì lavorativi si sono trasformati da giorni di respiro e recupero dell’arretrato, in infernali corse a scoprire l’errore e nuove esperienze lavorative di ogni genere con lo scopo di non doversene andare alle sei, di nuovo!

Oggi ho fatto anche l’infermiera di endoscopia, perchè mi sono trovata lo strumento in mano e la dottoressa “scendi scendi scendi”… in un pastrocio di sangue e muco.

“si è addormentato”

“no sono ancora abbastanza sveglio, ma ho capito che tanto fate lo stesso…”

Poi in attesa che smaltisse i farmaci che altererebbero le mie misurazioni, ho aprofittato per fare delle prenotazioni combinate.

Nella sala che funziona anche da studio della coordinatrice c’è sempre un discreto caos. Refugio pecatorum di chi ha qualcosa di cui lamentarsi, oltre che punto informazioni di ogni genere. Ci sono tre telefoni che suonano, ed un andirivieni…

Io e la collega (M.) cercavamo di racapezzarci nelle nostre agende. Entra A. che ho avuto modo di conoscere bene ultimamente, visto che stiamo stilando procedure come piovesse e lei fa una tesi di master parzialmente sul mio lavoro. A. è una donna tranquilla, molto controllata, pacata, orientata.

Era furibonda. Ha fatto le sue rimostranze ad un tono di voce che non avevo mai sentito.

Il loro grande capo, che stava revisionando i piani di lavoro “beh ma bisognerebbe darsi una regolata”

Io avrei fatto notare che A. non si lamenta mai, e magari se una volta lo fa, forse ha buoni motivi… ma non ho questo genere di confidenza con quel medico.

Un altra collega (G.) entrata in quel momento:”lunedì porterò del miele”

M.:”perchè?”

G.”perchè così si addolciscono”

Io: “io direi che hanno bisogno di qualcos’altro, ma io sono maliziosa.”

M. e G in contemporanea :”un po’ aviopeniche”

M. “a partire da me”

G. “ma tuo marito non era quello attivo?”

M.”ma ultimamente ci vediamo poco e quando capita siamo talmente stanchi….”

E poi altre cose su altre infermiere…

Io lavoro da 20 anni con una donna molto discreta e pudica. Le confidenze a me le fanno i miei amici maschi. E’ un mondo sconosciuto per me quello. E forse forse non voglio conoscerlo!

Credo avrei difficoltà a raccontare certe cose ad una donna.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

9 risposte a mondi sommersi

  1. annikalorenzi ha detto:

    vero. a volte molto meglio gli uomini. sono pratici ,diretti e non giudicanti.

  2. giomag59 ha detto:

    Mi sfugge quell’aviopeniche. E’ un termine medico? 🙂

  3. Nicole ha detto:

    Ieri a pranzo con i parenti (tutti), mi trovo seduta davanti a mio zio che dopo 30 anni ha deciso che sono adulta. Tra una portata e l’altra, versandomi il vino nel bicchiere: “hai presente il numero prima dell’uno? Ecco, quello è il numero di volte che batto chiodo con tua zia!”
    Ecco, io preferivo restare nel mondo dei bambini…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...